Lavinia Cestrone (Latina,1993) nel 2012 si trasferisce ad Urbino, dove si diploma in Pittura presso l’Accademia di Belle Arti della città, con a seguire una specializzazione in Pittura AVC (Arti Visive Contemporanee), presso la stessa istituzione. Nel 2016 espone per l’edizione di Fuoriuso dal titolo “Avviso di Garanzia”, curata da Giacinto di Pietrantonio e Simone Ciglia, e tenutasi presso l’ex Tribunale di Pescara. Durante l’estate del 2017 è scelta dall’Accademia di Belle Arti di Urbino per prendere parte all’ Educational Project, organizzato e tenuto dalle curatrici del Padiglione Italia Cecilia Alemani e Marta Papini, in occasione della 57. Esposizione Internazionale d’arte de La Biennale di Venezia. Nel 2019 partecipa al programma di residenza organizzato da DOCVA Viafarini negli ambienti dell’Archivio Viafarini, situato presso gli spazi della Fabbrica del Vapore di Milano. Attualmente vive e lavora tra Latina e Milano. 

Lavinia ha dato il suo contributo, con un’opera inedita, al primo numero della nostra rivista Ŏpĕra.